Regolamento per l’elezione dei Segretari provinciali e dei Circoli 2017

 

 

 

 

 

 

Campania

 

Regolamento per l’elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli – approvato dalla Direzione regionale venerdì 8 settembre 207

 

Il presente regolamento tiene conto dello Statuto Nazionale del PD e del Regolamento Nazionale “Congresso2017” approvato dalla Direzione nazionale in data 24 febbraio 2017.

 

I Congressi territoriali e le Assemblee provinciali dovranno svolgersi tra il 12 e il 29 ottobre 2017.

 

Articolo 1(Fissazione del numero dei componenti degli organi collegiali provinciali)


  1. 1. Visto l’art. 37 comma 2 dello Statuto del PD Campania, d’intesa con i Segretari Provinciali, la Direzione Regionale fissa, per la quota elettiva, il numero dei componenti delle Assemblee Provinciali: 80 Avellino, 80 Benevento, 100 Caserta, 160 Napoli e 120 Salerno ,
  2. Le Direzioni provinciali territorialmente competenti, su proposta delle rispettive commissioni provinciali per il congresso, possono deliberare, entro il limite del 50% rispetto ai minimi fissati dalla Direzione Regionale, l’ampliamento del numero dei componenti le Assemblee Provinciali.

 

Articolo 2(Convocazione del procedimento elettorale)

 

  1. Le elezioni dell’ Assemblea e del Segretario delle Unioni provinciali, dei Segretari e dei Comitati Direttivi dei Circoli sono convocate dalla Direzione provinciale che stabilisce:
    a) La data di convocazione dell’Assemblea provinciale;
    b) Il periodo e le modalità e i tempi di riunione dei Comitati direttivi di Circolo per l’impostazione politico-organizzativa della campagna congressuale;
    c) Le modalità di presentazione delle candidature alla carica di Segretario provinciale, il cui termine è fissato alle ore 00 del 2 ottobre 2017.
  2. Le Commissioni Provinciali per il Congresso stabiliscono:
    d) Il periodo e le modalità di convocazione e svolgimento delle Assemblee di Circolo per la discussione e il confronto sulle linee politico-organizzative dei diversi candidati alla carica di Segretario provinciale e per il voto a scrutinio segreto del Segretario provinciale e dei componenti dell’Assemblea provinciale; per la discussione e il confronto sulle candidature a Segretario e componente del Direttivo di Circolo e per il voto a scrutinio segreto del Segretario e del Direttivo di Circolo .I componenti di diritto dell’Assemblea provinciale.
    e) L’elenco dei circoli che svolgono le assemblee congressuali per il rinnovo degli organismi: i circoli a scadenza statutaria; i circoli che, su richiesta motivata del 50%+1 dell’assemblea di circolo, ne fanno motivata richiesta.

 

 Articolo 3 (Elettorato attivo e passivo)

  1. Possono esercitare il diritto di elettorato attivo tutti coloro che risultano iscritti nelle anagrafi certificate del 2016 e i nuovi iscritti 2017 alla data del 25 settembre per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea provinciale, del Segretario e del Direttivo di Circolo.
    2. Per l’elettorato passivo è valida l’iscrizione al partito nel momento dell’accettazione della candidatura .

 

Articolo 4 (Commissione provinciale)
1
. La Direzione provinciale elegge una Commissione provinciale deputata a garantire il corretto svolgimento del procedimento elettorale, con l’approvazione dei 2/3 dei votanti, formata, nel rispetto della parità di genere da 5 a 11 componenti, integrata successivamente da un rappresentante per ciascuno dei candidati alla segreteria provinciale ammessi alla consultazione. Alla Commissione partecipano, in qualità di invitati permanenti, il Presidente della Commissione provinciale di Garanzia o un suo delegato provinciale e il /la segretario/a provinciale dei GD. La Commissione, nella prima seduta, elegge al suo interno il Presidente.
2
. La Commissione, nello svolgimento dei suoi lavori e nelle decisioni che assume, si ispira al principio della ricerca del più ampio consenso.

3. La Commissione provinciale ha il compito di garantire che il procedimento di elezione del Segretario e dell’Assemblea provinciale si svolga in modo democratico e che in tutte le iniziative e in tutti i momenti del dibattito sia assicurata piena parità di diritti a tutti i candidati.
4. La Commissione provinciale:
a) assicura che sia data massima e tempestiva comunicazione a tutti gli iscritti dei termini e delle modalità di presentazione delle candidature;
b) cura la pubblicazione e la diffusione delle linee politico-programmatiche presentate dai candidati alla carica di Segretario provinciale e assicura a tutte eguale dignità e piena parità di diritti.

  1. c) garantisce che tutti i candidati alla carica di Segretario provinciale e di Circolo siano messi tempestivamente in condizione di comunicare con gli iscritti, rispettando le modalità previste dai regolamenti e dallo statuto rispetto alla consultazione delle anagrafi;
    d) fornisce ad ogni Circolo il tabulato dell’Anagrafe degli iscritti su cui registrare la partecipazione al voto, la scheda elettorale per l’elezione del Segretario provinciale, il fac -simile della scheda per l’elezione del Segretario di Circolo e il modello di verbale sul quale registrare i risultati delle votazioni per gli organi provinciali e di Circolo;
    e) assicura che un suo membro o un suo delegato partecipi allo svolgimento delle Assemblee di Circolo, in qualità di garante;
    f) rende noto, attraverso la rete, il calendario dei congressi specificando i luoghi di riunione e gli orari dei lavori e delle votazioni;
    g) predispone, d’intesa con il tesoriere provinciale, il bilancio preventivo e consuntivo del congresso e ne cura la pubblicazione.

 

Articolo 5 – (Candidature a Segretario e componente dell’Assemblea provinciale)

  1. 1. Le candidature alla carica di Segretario provinciale sono sottoscritte da almeno il 5% degli iscritti dell’Unione provinciale/territoriale in almeno il 5% dei circoli/comuni; le sottoscrizioni possono raggiungere al massimo il 5% degli iscritti.
    2. L’ordine di presentazione delle candidature è assunto anche come ordine di illustrazione delle candidature stesse e delle relative linee politico-programmatiche nel corso delle assemblee di Circolo.
    Può essere presentate una sola lista di candidati a componente dell’Assemblea provinciale collegata a ciascun candidato alla Segreteria provinciale, nel pieno rispetto della parità di genere – pena l’inammissibilità della lista. Nel caso in cui il candidato alla segreteria provinciale sia unitario, è possibile prevedere la presentazione di più liste. Le modalità di presentazione della lista sono stabilite dalla Commissione Provinciale.
    4. Al fine di consentire la più ampia conoscenza delle candidature e la raccolta delle sottoscrizioni per le candidature a Segretario provinciale o di Circolo, il Segretario del circolo assicura agli iscritti che ne facciano richiesta di poter tempestivamente consultare il tabulato degli aventi diritto al voto.

 

Articolo 6 – (Convocazione delle Assemblee di Circolo)

  1. 1. La convocazione dell’Assemblea deve essere resa pubblica almeno 4 giorni prima con convocazione attraverso i vari mezzi di comunicazione rivolta agli iscritti e ai cittadini e deve contenere:
    a) il giorno e l’ora di inizio della riunione e il programma dei lavori, e l’orario di inizio e fine delle votazioni, per una durata – che non deve superare le 6 ore – tale da favorire la più ampia partecipazione degli iscritti e con modalità che assicurino la segretezza e la regolarità del voto.
    b) i termini e le modalità di presentazione delle candidature a Segretario di Circolo e di componente del Comitato direttivo.
    c) le linee politico-programmatiche presentate dai candidati alla carica di Segretario provinciale.

 

Articolo 7 – (Candidature a Segretario e componente del Direttivo di Circolo)

  1. 1. Le candidature a Segretario di Circolo vanno presentate il giorno di apertura dell’Assemblea congressuale del Circolo prima delle operazioni di voto.
    2. Nel caso della presentazione di diverse candidature a Segretario di Circolo, la lista a sostegno di ciascun candidato dovrà essere composta da un numero non superiore ai componenti del Comitato direttivo, secondo quanto deciso dalla Commissione Provinciale per il Congresso.
    3. La composizione della eventuale lista unica, deve garantire la pari rappresentanza di genere. Nel caso di più liste, l’ordine dei candidati segue l’alternanza di genere.

 

Articolo 8 – (Modalità di svolgimento delle Assemblee di Circolo)

  1. 1. Le modalità e i tempi di svolgimento delle Assemblee di Circolo devono garantire la più ampia possibilità di intervento agli iscritti.
    2. Le Assemblee di Circolo sono aperte alla partecipazione di elettori e simpatizzanti del Partito Democratico.
    In apertura dell’Assemblea di Circolo, su proposta del Segretario del Circolo stesso, viene costituita e messa ai voti per l’approvazione una Presidenza, che assicura il corretto svolgimento dei lavori e garantisce la presenza di almeno un rappresentante per ciascuna candidatura.
    4. Fa parte della Presidenza un membro della Commissione provinciale o un suo delegato esterno alla stessa che è tenuto ad assistere alla riunione, con funzioni di garanzia circa il regolare svolgimento dei lavori.
    5. Subito dopo vengono presentate le linee politico-organizzative collegate ai candidati a Segretario provinciale e, distintamente rispetto alle prime, le candidature a Segretario di Circolo, assicurando a ciascuna di esse pari opportunità di esposizione, entro un tempo massimo di 10 minuti.
    6. Al termine delle votazioni la Presidenza dell’Assemblea congressuale di Circolo procede allo scrutinio e compila il verbale con i risultati delle votazioni, da trasmettere alla Commissione provinciale per il Congresso.

 

Articolo 9 – (Elezione del Segretario e del Direttivo di Circolo e del Segretario e dell’Assemblea provinciale)

Per l’elezione del Segretario e del Direttivo di Circolo:

  • L’iscritto/iscritta esprime il suo voto tracciando un segno nel riquadro che contiene il nominativo del candidato Segretario prescelto.
  • Nel caso di presentazione di più candidati a Segretario di Circolo il voto dato al Candidato a Segretario di Circolo vale anche come voto dato alla lista collegata per l’elezione del Comitato direttivo.
  • Nel caso di cui al comma precedente, i seggi sono ripartiti proporzionalmente tra le liste secondo il metodo del quoziente naturale (totale dei voti validi del Circolo / numero dei componenti del Comitato direttivo) attribuendo tanti seggi quanti sono i quozienti pieni ottenuti da ciascuna lista. Gli ulteriori seggi non attribuiti sulla base di un quoziente pieno vengono assegnati alle liste che abbiano riportato i maggiori resti.
  • È dichiarato eletto Segretario di Circolo il candidato che ha ricevuto il maggior numero di voti.
    Per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea provinciale.
  • L’iscritto/iscritta esprime il suo voto tracciando un segno nel riquadro che contiene il nominativo del candidato Segretario prescelto, esprimendo in tal modo il proprio voto alla lista collegata al candidato segretario.
  • A conclusione delle operazioni di voto in ciascun Circolo viene redatto un verbale che viene immediatamente trasmesso alla Commissione provinciale per le operazioni di calcolo di propria competenza. Il verbale contiene anche, a fini informativi e per garantirne la trasparenza, i risultati delle votazioni per l’elezione del Segretario e del direttivo di circolo.
  • La Commissione provinciale assicura che le informazioni di cui al precedente comma, così come ricevute, e le eventuali successive rettifiche, vengano tempestivamente rese note sul sito internet dell’Unione provinciale del Partito Democratico.
  • La Commissione provinciale procede alla ripartizione dei seggi, assegnandone il 50% in ragione dei voti ottenuti dal Partito Democratico nelle elezioni del 2013 per la Camera dei Deputati, e il 50% in ragione dell’anagrafe certificata 2016 e dei nuovi iscritti 2017 . L’attribuzione dei seggi tra le liste avviene sulla base di quanto stabilito secondo il metodo del quoziente naturale.

 

Articolo 10 – (Proclamazione dei risultati e nomina del Segretario provinciale)

1. L’Assemblea provinciale, nella riunione di insediamento, sotto la presidenza provvisoria della Commissione provinciale, proclama eletto il segretario che ha riportato la maggioranza assoluta dei voti;
2. Qualora nessun candidato abbia ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi, il Presidente dell’Assemblea provinciale indice, in quella stessa seduta, il ballottaggio a scrutinio segreto tra i due candidati le cui liste abbiano ottenuto il maggior numero di componenti dell’Assemblea e proclama eletto Segretario il candidato che ha ricevuto il maggior numero di voti validamente espressi.

 

Articolo 11 – (Garanzie)


  1. La Direzione provinciale del Partito, all’atto della costituzione della Commissione provinciale, affida alla Commissione stessa la responsabilità di accesso e vigilanza sull’Anagrafe degli iscritti.

    2. Eventuali contestazioni riguardo alla convocazione e allo svolgimento delle Assemblee di Circolo devono essere rivolte, in prima istanza, alle Commissioni provinciali per il Congresso e, in seconda istanza alla Commissione Regionale di Garanzia.

 

 

Napoli, 8 settembre 2017

About Administrator 559 Articles

Segretario PD

Be the first to comment

Leave a Reply